Monday, February 24, 2014

semolina cranberry pudding

Budino di Semolino con Mirtilli Rossi
I've been trying a few recipes from Pellegrino Artusi's cookbook and there's this pudding that I can't stop myself from making ... repeatedly.  If you read through the ingredients you'll notice that there's nothing you can't find in your everyday pantry.  It's that type of dessert that's not too sweet and not too dull, capable to fill a sudden urge for something good in just a few moves. It may be for this reason why I find myself making it so often.  The truth is, it's simple and for this, it reveals to be unexpectedly delicious. 

What makes this dessert so special, and far from boring, is the texture, given by the rustic consistency of the semolina.  The slight citrus aroma and the scent of liquor combine in all simplicity to perfection.  Nothing else is needed if not a sweet burst of fruitiness, immediately satisfied by the bites of cranberries - my only adaption to Artusi's original recipe, where he uses raisins.   Not to be taken for granted is the final touch to generously butter and dust the mold with breadcrumbs, it renders a vague caramelized crispness to this pudding.  A detail of minimal importance which returns a great result. 

Some add candied fruit, but Artusi makes a note and states that too much condiment often ruins the final result.  I believe he is right!
Senza titolo
Budino di Semolino con Mirtilli Rossi
BUDINO DI SEMOLINO CON MIRTILLI ROSSI

Milk 800 ml
Semolina 150 gr
Sugar 100 gr
Cranberries (100 gr) * Artusi uses raisins
Butter 20 gr
Eggs 4
Rum 3 tbsp
Salt, a pinch
Lemon zest

Prepare a mold for the pudding, butter and dust with breadcrumbs.  Heat oven to 180°C.
In a small pot, add all ingredients and whisk.  Place the pot on the stove and turn on the heat, let the mixture simmer for a few minutes, stirring constantly.  As the mixture starts to slightly thicken, pour it in the previously buttered mold and place in the oven for approximately 30 minutes, or as soon as the pudding rises and reaches a golden color.




11 comments:

  1. E a me invece tocca comprare il semolino:)) Non ci crederai ma non l'ho mai usato. Quello che mi piace della ricetta è la semplicità, premia sempre, e poi questa è anche semplice e veloce... la mia lista di ricette da provare si allunga sempre di più!!!! Un abbraccio Elvira

    ReplyDelete
    Replies
    1. Grazie! A proposito....pane riuscito ;)

      Delete
    2. Sono contentissima per il pane!! Quando ho letto il tuo commento mi è preso un colpo e mi sono detta "chissà se le piacerà?" A casa sono l'unica che riesce a mangiare pane e dolci fatti con il grano saraceno, in effetti deve proprio piacere questa farina... a differenza dei pani e dolci fatti con la farina di quinoa o amaranto che piacciono, nonostante molti dicano che hanno un odore molto forte e un sapore quasi erbaceo.
      Ho trovato e comprato il semolino:) Non ho i mirtilli e pensavo di usare l'uvetta, vabbè non vedo l'ora di provare il tuo budino!! Un abbraccio e buona domenica Elvira

      Delete
  2. I tuoi manicaretti sono sempre molto invitanti!!!! :-)

    ReplyDelete
  3. ez68..ti ho scovato! sono la_greg74
    smetto di sembrare un alieno e vengo al sodo....questo budino è superlativo
    mi ci tufferei dentro ora senza esitazione

    ma se invece del semolino (quello per gli gnocchi alla romana intendo) uso la semola che ho appena comprato per il pane? dici che fa lo stesso?

    mamma che fame...

    ciao
    Silvia

    ReplyDelete
    Replies
    1. Cao Silvia! Ma che piacere! Devi assolutamente usare il semolino, appunto quello per gli gnocchi alla romana. Sostanzialmente la macinatura è diversa e quindi cuoce in maniera diversa. (confesso che ho avuto lo stesso dubbio :) Provalo...ti piacere!

      Delete
  4. Divine! This is one fabulous dessert.

    Cheers,

    Rosa

    ReplyDelete